Sedano

Il sedano è una specie erbacea biennale appartenente alla famiglia delle Apiaceae, originaria della zona mediterranea e conosciuto come pianta medicinale fin dai tempi di Omero. Le varietà più utilizzate in cucina sono il “sedano da costa” di cui si utilizzano i piccioli fogliari lunghi, e il “sedano rapa” di cui si consuma la radice.

E’ un piacevolissimo e utile ortaggio invernale, si dice che migliori dopo la prima gelata. Possiamo spingersi fino a qualche settimana dopo Natale, fino al tempo veramente brutto. Ama il terreno fertile e profondo, molto umido ma non fangoso. Occorre molto humus, è quindi importante concimare con letame o composta ben matura. Si seminano in primavera sotto vetro a temperature di 16-19°C. E’ necessario spruzzare acqua almeno due volte al giorno.

Per la messa a dimora il periodo giusto è l’inizio dell’estate. Piantare a distanza di 30 cm, in un solco riempito di letame, poi coperto con acqua. Dopo averli raccolti è consigliato coprire di terra le radici dei sedani, tagliare i getti laterali e legare le piante in un fascio stretto.

Il sedano rapa, alla pari del sedano da costa, contiene poche calorie. Il suo gusto, leggermente meno intenso rispetto a quello del sedano da costa, lo rende adatto a ricette dove compare come ingrediente principale. È falsa la credenza che il sedano abbia così poche calorie, che ce ne vogliono più a mangiarlo di quante ne ricavi l’organismo a digerirlo.